Sei ipotetici sopravvissuti della Storia. Vivi per anni, decenni. Secoli

lunedì 5 novembre 2012

IL FASCINO MISTERIOSO DEI VAMPIRI…E SE DRACULA FOSSE STATO UNA DONNA?





Mina Harker o Lucy Westenra sono nomi che non vi dicono nulla? Lestat è solo un bizzarro nome? I fratelli Salvatore o Mick St. John vi sono del tutto sconosciuti? Allora non siete persone che hanno letto o seguito in tv storie di vampiri.

Mina e Lucy sono le protagoniste femminili del libro Dracula dello scrittore Bram Stocker che identificò come vampiro un conte della Transilvania, realmente esistito (ma forse, come vedremo, Dracula non era lui).

Lestat è invece il vampiro cattivo del libro di Anne Rice, poi diventato un film “Intervista col vampiro”, un essere che trasforma Louis, nel 1700, un ragazzo disperato che diventa immortale e suo malgardo è costretto a condividere l’esistenza con Lestat.

I fratelli Salvatore sono i protagonisti del telefilm The Vampire Diaries, due fratelli che sono diventati vampiri a causa del comune amore per una ragazza, infine Mick St John del telefilm Moonlight è un uomo fatto vampiro dalla moglie che non accetta la sua condizione.

Insomma per chi ama il genere ce n’è davvero di tutti i gusti e i vampiri sono forse le creature soprannaturali che più ci affascinano.

Come detto, Bram Stocker identificò Dracula in Vlad Tepest, un uomo della Transilvania che era stato soldato e aveva combattuto contro i turchi: quest’uomo è esistito davvero, ma è incerto se sia veramente lui Dracula. Esisteva davvero e davvero beveva il sangue degli altri la contessa Erzebet Bathory, una donna di rara crudeltà (versava miele sui suoi servi perché fossero divorati dalle api, solo per dirne una) che visse nell’est Europa bevendo il sangue di servitori e in genere di tutti quelli che visitavano il castello.

Dopo che le chiacchiere sulla vampira si diffusero, venne arrestata, non prima di aver ucciso moltissime persone e bevuto sangue nell’illusione di rimanere giovane. La contessa aveva al suo servizio degli alchimisti che l’avevano infatti convinta di questo e per non invecchiare s’immergeva in bagni di sangue.

Potrebbe essere lei, secondo alcuni storici, la vera Dracula, il vero vampiro vissuto tra Ungheria e Slovacchia che terrorizzava i contadini ma anche le ragazze della nobiltà: la contessa infatti ad un certo punto passò a bere il sangue delle giovani nobili, convinta che fosse più puro.

Nel libro Sopravvissuti racconto la storia della contessa, così com’è stata in realtà, immaginando alla fine la sua prigionia e il modo che potrebbe aver architettato per fuggire.

Nessun commento:

Posta un commento