Sei ipotetici sopravvissuti della Storia. Vivi per anni, decenni. Secoli

lunedì 11 marzo 2013

HITLER EBREO?




Occhi azzurri, cappelli biondi, robustezza nel fisico: queste erano, secondo Adolf Hitler le caratteristiche di un tipico tedesco, anzi di un appartenente alla razza “ariana”. Vi siete mai accorti che, anche se questi erano i canoni voluti dal capo del nazionalsocialismo, in realtà, LUI NON NE POSSEDEVA NEMMENO UNO?

Hitler era un omino, scuro di capelli e di occhi, insomma tutto il contrario della sua fiera razza ariana. Era più vicino ai tratti di un ebreo rispetto che a quelli di un tedesco. Pura casualità? Forse.

Sta da fatto che non è nuova l’ipotesi che Hitler discendesse proprio da una ebrea. Il padre Alois nacque infatti illegittimo da Anna Maria Schicklgruber (poi prese e trasformò il cognome del padre fino a diventare Hitler) e Schicklgruber era nientemeno che il cognome più comune fra la popolazione ebraica cui l’imperatrice Maria Teresa (Adolf Hiter era austriaco) concesse la cittadinanza austriaca a seguito della loro conversione al cattolicesimo.

Insomma se fosse vera quest’ipotesi, colui che inventò la terribile macchina dell’Olocausto da carnefice poteva diventarne vittima, se qualcuno avesse scoperto il suo segreto.

Nessun commento:

Posta un commento