Sei ipotetici sopravvissuti della Storia. Vivi per anni, decenni. Secoli

martedì 28 gennaio 2014

PREFAZIONE DEL LIBRO


PREFAZIONE
Sopravvissuti. Questo è ciò che accomuna i sei
personaggi descritti in questo libro, che hanno appunto
in comune l’ipotesi di essere sopravvissuti alla loro
presunta morte, avvenuta tramite omicidio o suicidio.
Preciso che si tratta di racconti che parlano di persone
realmente esistite e delle loro vicende, ma che la loro
sopravvivenza è frutto unicamente della mia fantasia,
anche se per alcuni di loro ho sfruttato l’alone di mistero
che ancora oggi aleggia sulla loro fine, come per quella di
Adolf Hitler o di Anastasia Romanov. Per anni si è
discusso sulla loro morte, ci si è interrogati su come
siano andate realmente le cose, come successe a
Mayerling, il luogo dove fu trovato ucciso Rodolfo, erede
della Casa Asburgo. Per gli altri tre personaggi non ci
sono state ipotesi sulla loro possibile sopravvivenza, ma li
ho inseriti per capire cosa sarebbe accaduto se non
fossero realmente deceduti. In realtà questo è un po’ il
filo conduttore del testo, il “cosa sarebbe successo se”
quella persona fosse ancora viva, fosse riuscita a fuggire,
a ingannare tutti, e via dicendo. Sei personaggi
appartenenti ad epoche diverse, a Paesi differenti, con
un’indole buona o cattiva, terribile nei casi di Hitler e
della “Contessa Sanguinaria” che in qualche maniera,
sfruttando l’astuzia o il caso, riescono a far credere di
essere morti ma hanno continuato invece a vivere. Sono i
personaggi storici stessi a raccontare la loro vita,
attraverso scritti lasciati per i posteri e, in seguito, la loro
presunta morte, rivolgendosi direttamente al lettore, in
alcuni casi narrando com’è stata la loro vicenda umana
dopo il momento in cui, per tutti, erano trapassati, in altri
lasciando chi legge con il fiato sospeso, con la curiosità
non del tutto soddisfatta. Alcuni di loro sono riusciti a
vivere l’esistenza che volevano, o comunque un’altra vita
alternativa a quella, molto più sfarzosa, che avevano in
precedenza, altri hanno sfruttato l’occasione per
continuare a fare del male. Insomma sei persone
sopravvissute alla Storia, quella stessa Storia che li aveva
invece cancellati da un pezzo dal mondo e dalle pagine
dei libri. Vivi per anni, decenni, secoli. Sopravvissuti.

Nessun commento:

Posta un commento